<<indietro

Spesso l’ortodontista durante l’esame clinico può notare una discrepanza tra l’occlusione abituale e la posizione di relazione centrica (la posizione dei condili più alta e più anteriore nelle fosse temporali, con la mandibola in massimo rilassamento muscolare), in tal caso è più corretto fare diagnosi con i modelli montati in articolatore tramite la presa di un arco facciale e cere di relazione centrica:

Foto: l'articolatore

ORTOPANTOMOGRAFIA

È l’unico esame radiografico in grado di evidenziare su un’unica pellicola entrambi i mascellari, i processi alveolari, le articolazioni temporo-mandibolari e di dare una visione globale dell’apparato dento-parodontale nel suo insieme; fornisce, inoltre, informazioni relative ad anomalie di numero, di sviluppo e di forma e di sede dei denti; permette di esaminare la situazione del paziente all’inizio del trattamento, in fasi intermedie e finali per eventuali riassorbimenti radicolari ed il grado di inclinazione mesio-distale delle radici dentali; consente di individuare eventuali asimmetrie.

Foto: ortopantomografia

TELERADIOGRAFIA LATERO-LATERALE

Innanzi tutto la semplice osservazione della teleradiografia ci permette, di evidenziare da subito eventuali problemi di profilo, le disarmonie dento-scheletriche sul piano sagittale e di valutare i rapporti tra la mascella e la mandibola.

Inoltre, ci consente di effettuare l’esame cefalometrico che ha come scopo, secondo Jarabak, quello di farci conoscere:

- i rapporti tra le ossa del cranio e della faccia e di queste tra loro;

- i rapporti dei denti con le rispettive basi ossee;

- la previsione della direzione e della entità di crescita (in alcune analisi).

Grazie all’esame cefalometrico riusciamo ad inquadrare il tipo scheletrico di malocclusione sia in senso sagittale che verticale (vedi fig.)

Foto: teleradiografia latero-laterale

 

avanti >>

Si tiene a precisare che: le informazioni contenute in questo sito hanno lo scopo di informare e rendere comprensibili argomenti riguardanti la salute della bocca, che spesso sono trattati con terminologia prettamente scientifica poco comprensibile ai non addetti ai lavori. Le informazioni, inoltre, non hanno una finalità pubblicitaria.

Copyright © 2009 Alberto Gentile